© 2017 Proudly populated by SintesiVisiva.

Associazione PLANET2084 Onlus
info@planet2084.org

10. COMUNITA' E DEMOCRAZIA

Elemento dirimente per garantire una corretta e sostenibile gestione dei territori,

la salubrità dell’ambiente e la tutela della comunità insediate è l’esistenza di

strumenti di partecipazione popolare e di inclusione della cittadinanza nei

processi decisionali. 

Da questo punto di vista, all’insufficienza degli strumenti esistenti si unisce la

tendenza a un progressivo accentramento dei processi decisionali e di

depotenziamento degli enti di prossimità, erodendo la possibilità di garantire

alle comunità reale incidenza nelle scelte che riguardano il proprio destino.

Ciò riduce pericolosamente lo spazio democratico favorendo un modello di delega incapace di rispondere alle istanze partecipative. Accanto a ciò, la prassi di governo continua a individuare nel ricorso a stato d’emergenza e a decretazione d’urgenza ulteriori strumenti per imporre dall’alto decisioni spesso invise alla cittadinanza.

 

Per colmare il gap democratico e rispondere alla richiesta di partecipazione cittadina è necessario:

  • Provvedere a fornire informazioni adeguate e complete riguardo nuovi progetti di sviluppo, infrastrutturale, industriale, energetico, etc. con impatti potenziali sul territorio.

  • Garantire in generale pieno accesso alle informazioni in campo ambientale, precondizione per esercitare a pieno le facoltà e i diritti connessi alla cittadinanza.

  • Istituire e implementare strumenti partecipativi, soprattutto a livello locale, in merito alle politiche ambientali, garantendo la capillare partecipazione della cittadinanza e degli stakeholders sociali attraverso la previsione di strumenti deliberativi e non meramente consultivi.

  • Garantire accesso alla giustizia per l’opposizione a progetti invisi, per la riparazione del danno prodotto e per il perseguimento delle responsabilità penali, ove presenti.

  • Rinunciare alla riforma nel procedimento di V.I.A. – Valutazione di Impatto Ambientale in discussione, evitandone lo svilimento e rafforzandone al contrario la funzione di garanzia di tutela ambientale e protezione delle comunità insediate.

  • Rafforzare anziché depotenziare il ruolo degli enti di prossimità nei processi decisionali.

  • Rafforzare le fattispecie di ecoreati recentemente introdotte nel codice penale per garantire una piena applicazione del principio Chi Inquina Paga.

  • Avviare la costruzione di Assemblee o Forum dei territori e dei centri produttivi con potere decisionale e di veto sulle politiche di interesse comunitario e con ricadute ambientali.