© 2017 Proudly populated by SintesiVisiva.

Associazione PLANET2084 Onlus
info@planet2084.org

Il modello di gestione del servizio idrico e, più in generale, dei servizi pubblici

essenziali, è stato oggetto nel 2011 di un referendum abrogativo che ha portato

all’affermazione di un’idea di gestione pubblica e ha sancito il carattere

dell’acqua quale bene comune e diritto umano universale, prevedendo peraltro

che non potesse essere inserita in bolletta alcuna quota di profitto per il gestore.

 

Da allora si è tuttavia assistito a una rinnovata strategia di rilancio dei processi

di privatizzazione del servizio idrico e degli altri servizi pubblici locali.

Attualmente, attraverso processi di aggregazione e fusione, quattro colossi multiutilities – A2A, Iren, Hera e Acea – già collocati in Borsa, stanno progressivamente inglobando la totalità delle società di gestione dei servizi idrici, ambientali ed energetici.

Per invertire la rotta e restituire alle autorità pubbliche e alle comunità il controllo sui servizi pubblici essenziali occorre:

  • Ripubblicizzare il servizio idrico favorendo la partecipazione popolare diretta alla pianificazione e gestione del servizio idrico integrato e che consenta l’accesso ai dati e alle informazioni.

  • Prevedere sistemi di gestione pubblica e partecipata dei servizi pubblici essenziali in generale, rafforzata dallo sviluppo di processi di partecipazione dei cittadini e dei lavoratori.

  • Promuovere investimenti indirizzati prevalentemente alla ristrutturazione della rete idrica, con l’obiettivo di ridurre strutturalmente le perdite di rete, e verso le nuove opere, in particolare del sistema di depurazione e di fognatura.

  • Garantire sistemi di controllo della qualità delle acque con accesso ai dati per la popolazione e rapidi interventi di risanamento ove necessario.

  • Promuovere un nuovo sistema di finanziamento del servizio idrico basato sul ruolo fondamentale, oltre che della leva tariffaria, della finanza pubblica e della fiscalità generale; in altre parole il servizio idrico deve tornare a essere una delle priorità nel bilancio statale.

8) ACQUA E SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI