Aiutiamo le Api: To Bee Free!

Api e Impollinatori naturali

Non solo Api...

Gli insetti impollinatori sono fondamentali all’interno del nostro ecosistema. Trasportando il polline da un fiore all’altro, permettono l’impollinazione e la formazione del frutto.

Le api sono sicuramente gli insetti impollinatori più conosciuti, ma non sono i soli. Anche i bombi, le mosche e i coleotteri riescono a svolgere egregiamente questa funzione.

Gli insetti impollinatori, nonostante il loro lavoro fondamentale nei nostri giardini e nelle nostre campagne, sono a rischio estinzione. Questo a causa del sempre crescente inquinamento, della riduzione del loro habitat e dell’abbondante uso di pesticidi.

Perchè sono importanti?

Senza impollinatori non c'è biodiversità!

Le api e gli altri insetti impollinatori giocano un ruolo essenziale negli ecosistemi e un terzo del nostro cibo dipende dalla loro opera di impollinazione. Se dovessero sparire, le conseguenze sulla produzione alimentare sarebbero devastanti. Chi impollinerebbe le coltivazioni? L’impollinazione artificiale è una pratica faticosa, lenta e costosa. Il valore di questo servizio, offerto gratis dalle api di tutto il mondo, è stato stimato in circa 265 miliardi di euro all’anno.
Difendere le api è quindi nel nostro interesse, anche da un punto di vista economico.

Il loro declino, un grave problema!

Il modello agricolo è la principale causa.

Attualmente non esistono dati esaustivi che descrivano la gravità nella sua interezza ma esiste la prova scientifica di un declino considerevole tra gli impollinatori, dovuto alle attività umane e non solo. Api e farfalle sono le specie  per le quali abbiamo più dati disponibili: una su dieci specie di api o farfalle è a rischio di estinzione in Europa. Gli impollinatori sono esposti a vari fattori come: il cambiamento nell’uso del suolo per agricoltura o urbanizzazione, con perdita e degrado degli habitat naturali. Pesticidi e altri agenti inquinanti colpiscono gli impollinatori in maniera diretta (insetticidi e fungicidi) e indiretta (erbicidi). Specie esotiche invasive come il calabrone asiatico (Vespa velutina) e la diffusione di parassiti sono particolarmente pericolose per le api da miele. Infine, il cambiamento climatico e l’aumento delle temperature, con conseguenti eventi climatici estremi.

20191204PHT68249_original.jpg
20191203PHT67914_original.jpg
20191203PHT67915_original.jpg
 
 
 

Possiamo difenderli!

 

Costruiamo un rifugio per le

Api e gli impollinatori selvatici:

 
la casa-rifugio per api è realizzata con materiali completamente naturali non trattati e non colorati, come pino, bambù e pigne.
Il materiale di riempimento attira diversi tipi di insetti impollinatori
  1. Compila il modulo e aderisci alla campagna
  2. Organizza un gruppo di amici
  3. Ricevi il rifugio tramite contrassegno (25€)
  4. Scarica e stampa il cartello (su carta eco!)
  5. Colloca con gli amici il rifugio e il cartello
  6. Invia a Planet2084 la posizione e le foto

COMPILA IL MODULO SOLO SE VUOI RICEVERE IL RIFUGIO, A CASA TUA!

Vietare l’uso di pesticidi nocivi per le api, a partire dalle sette sostanze più pericolose attualmente autorizzate nell’Unione Europea: imidacloprid, thiamethoxam, clothianidin, fipronil, clorpirifos, cipermetrina e deltametrina.

1.

Sostenere e diffondere attività agricole non nocive degli insetti quali: rotazione delle coltivazioni, destinare aree di interesse ecologico attorno ai campi coltivati, maggior sostegno all'agricoltura biologica e alla permacoltura.

2.

Sostenere maggiori finanziamenti per ricerca e sviluppo di pratiche agricole ecologiche senza uso di sostanze chimiche per il controllo dei parassiti.

3.

Bloccare e vietare l'introduzione di antimicrobici in apicoltura: il loro utilizzo rappresenta un pericolo reale per la salute dell’ambiente, degli animali e dell’uomo. Le api trattate, potrebbero diventare vettore di “antibiotico-resistenza”, senza alcuna possibilità di controllo. 

4.

Scoraggiare le pratiche di apicoltura soprattutto quella di tipo stanziale. Come avviene con altri animali, le api sono soggette a cruente modalità di allevamento  per il profitto dell’uomo, tali pratiche sono sconosciute a molte persone. Il loro sfruttamento è causa di sofferenza e di morte per molte di loro: questo avviene specialmente nella produzione intensiva di miele, che le api producono ingerendo il polline per poi rigurgitarlo ripetutamente. 

5.

Agisco ora!

 

arrow&v
  • Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Associazione PLANET2084 Onlus

info@planet2084.org

Tel. +39 351.5430778

© 2017 Proudly populated by SintesiVisiva.